Cos'è la posta elettronica?

Il servizio di posta elettronica, chiamato anche "e-mail" (electronic mail) consente a ogni utente che abbia accesso ad un computer che possa connettersi ad Internet di inviare "messaggi" (testi ma anche, più in generale, "oggetti" memorizzati in formato elettronico, sotto forma di file, come programmi, immagini, suoni, etc.) ad un qualsiasi altro utente che disponga di un indirizzo di posta elettronica e che lavori su un qualsiasi altro computer, ovunque collocato, purché raggiungibile tramite connessioni in rete.
Non è necessario che i computer dei due corrispondenti siano contemporaneamente o permanentemente connessi alla rete perché lo scambio di informazioni sia possibile: i messaggi vengono recapitati su caselle di posta elettronica ospitate da appositi server; l'utente che voglia verificare l'arrivo di messaggi a lui indirizzati potrà contattare il server e solamente nell'intervallo in cui avviene la transazione tra il computer dell'utente ed il server è necessario che la connessione di rete sia attiva. Nel caso di inoltro di messaggi il mittente contatterà il server del proprio fornitore di servizio e sarà il server a farsi carico di inoltrare il messaggio al server del destinatario.
Un primo evidente vantaggio che l'utilizzo della posta elettronica comporta è la velocità: anche tra i sistemi più distanti tra loro, purché in qualche modo comunicanti, i messaggi possono essere recapitati nel giro di poche ore (il più delle volte sono comunque sufficienti pochi minuti).
Un altro vantaggio è che l'informazione trasmessa attraverso un messaggio di posta elettronica giunge normalmente al destinatario nella stessa forma in cui era sul computer "mittente" ed è dunque suscettibile di essere direttamente elaborata (manipolata, copiata, "ritagliata", completata, etc.) dal destinatario sul proprio computer, senza passaggi intermedi. Invece nel caso ad esempio di un messaggio "cartaceo" l'informazione dovrebbe essere riprodotta in formato elettronico per essere soggetta ad elaborazione: un testo dovrebbe essere digitato, le immagini dovrebbero essere sottoposte a scansione, etc.
Con l'affermarsi di questo strumento di comunicazione si sono consolidate regole di comportamento nell'utilizzo dei nuovi servizi che tengono conto delle peculiarità di questi strumenti. In passato la popolazione degli utenti telematici "cresciuta" con Internet aveva profonde conoscenze tecniche e comprendeva la natura del mezzo di comunicazione e dei vari protocolli. Oggi la comunità di Internet è costituita da persone del tutto nuove all'ambiente; per introdurre rapidamente questi nuovi utenti alla cultura di Internet, nell'ambito dell'IETF (Internet Engineering Task Force) è stata messa a punto una guida che illustra una serie di comportamenti di base nell'utilizzo dei servizi di rete, la cosiddetta " netiquette"(network etiquette); una sintesi di questa guida è riportata in allegato.
La disponibilità di un indirizzo di e-mail è un prerequisito indispensabile per utilizzare il servizio di posta elettronica, dal momento che serve per individuare sulla rete mittenti e destinatari dei messaggi. Gli indirizzi di posta elettronica hanno la forma @ dove la parte a sinistra del simbolo @, detto anche "chiocciola" e normalmente letto come "at" (presso), identifica l'utente in maniera univoca all'interno del server che lo ospita; la parte di indirizzo a destra del simbolo @ identifica invece in maniera univoca, all'interno della rete Internet, il sistema informatico presso il quale l'utente è ospitato e corrisponde appunto al "nome" del server, normalmente espresso come un insieme di parole (o più in generale di stringhe di caratteri alfanumerici) separate da punti.