Configurazione Proxy

Note generali

L'introduzione del World Wide Web ha notevolmente semplificato il modo di ricercare e ottenere qualsiasi tipo di informazione dalla rete. Il suo enorme sviluppo ha portato un aumento esponenziale del traffico sulle linee nazionali e internazionali, provocando tempi di risposta molto alti. Una possibile soluzione è rappresentata dal "caching" locale delle risorse più accedute (http, ftp, gopher, etc) attraverso un servizio di proxy/cache. Un proxy server opera in maniera trasparente all'utente, svolgendo un ruolo di intermediario tra esso e la macchina che si vuole contattare. L'utente che si avvale di questo servizio rivolge le sue richieste al proxy, il quale gli procura i documenti prendendoli dal sito ove questi risiedono e ne conserva una copia in locale. Le richieste successive relative per gli stessi documenti vengono soddisfatte utilizzando la cache locale, riducendo quindi i tempi di caricamento e il traffico sulla rete.

Il software di proxy/cache utilizzato sulla rete GARR (Squid) è di tipo gerarchico e permette di creare complesse relazioni padre/figlio/fratello tra i proxy server collegati. Scegliendo opportunamente i proxy con cui cooperare e privilegiando quelli più veloci, la risorsa richiesta dall'utente finale viene in genere servita molto più rapidamente poiché, con una certa probabilità, essa già si trova in una delle cache cooperanti.

Se si presentano problemi o si ha l'impressione che la pagina fornita dal proxy non sia consistente, si può comunque prelevare nuovamente la pagina dalla sorgente, senza disattivare l'uso del proxy, premendo SHIFT e contemporaneamente il pulsante RELOAD sul browser.

L'efficienza del proxy dipende strettamente dal suo utilizzo: più viene utilizzato, maggiori sono i benefici.



Indirizzo Porta Locazione
proxy.unige.it 8080 C.S.I.T.A. (Darsena)



Per configurare il proprio browser occorre seguire queste istruzioni relative a Internet Explorer oppure a Netscape Communicator.